Oggi

"Data">Data Rivoluzionaria

pellegrinablog,chiocciolaquindi,gmail.com

per gli scribi

Toulouse en érasmienne

lunedì 18 marzo 2013

Interporsi

Metrò parigino verso l'ora di pranzo, dirigendomi a uno dei mille luoghi dove è bello studiare in questa città. Sprofondata col naso in un libro che devo restituire di corsa a una delle infinite biblioteche in cui hanno ormai appesa la mia foto con scritte da far west, o più semplicemente sabotage, data la mia tendenza a imboscare sempre i libri molto più a lungo del lecito. Del resto qui in metropolitana tanti leggono, aggrappati nelle posizioni più precarie e inverosimili. Soprattutto donne.
Un ronzio si affaccia senza sosta alle mie orecchie, incrementando sempre più il volume. Sposto un occhio orizzontalmente per non distrarmi troppo e cado su un paio di stivaletti con la zeppa, fatti a mo' di scarpe da ginnastica, cioè di tela, e decorati con leopardato brillante oro. Certo materia di riflessione non mancava, e io, ormai dipendente da certi consigli, con il pezzo di cervello rimasto sano mi distraggo dall'orientalismo letterario a cui la maggior parte delle cellule cerebrali rimane attaccata, per riflettere subito su come lo potrei sdrammatizzare.
Però la portatrice degli stivaletti non rispetta minimamente le mie già doppie speculazioni e insiste nell'alzare il volume al massimo fornendomene una terza (troppa grazia). E non sono propriamente paroline gentili, o argomenti del genere "'vabbè 'tte chiamo pee' staseraaa, dopo a' apeiitivo, 'a doccia, 'a cena e la partita magari usciamo" (ma chi ne avrebbe ancora voglia, di sentirti, mi dico). No, una parola mi buca le orecchie: "Vous, les Arabes, vous gens mauvaises, vous venez ici et faites de choses, vous, vous les terroristes". Il tutto pronunciato da una signora di colore all'indirizzo di un ragazzone maghrebino dall'aria buona, la cui testa sfiora il soffitto del vagone e che porta alle orecchie due cuffiette. Il quale, sconvolto da queste parole, si prova timidamente a soffiare un: "Madame, moi je ne suis pas terroriste", ma lei continua a insultarlo. Dal tono si capisce che la signora non ha proprio tutte le rotelle giuste, ma si capisce anche - e vorrei vedere - che sentirsi dare del terrorista davanti a un vagone intero di gente non è proprio la cosa più simpatica del mondo e non ispira compassione per i mentecatti. Mettiamo se un'italiana si sentisse perciostesso dare della mafiosa. Per cui, nascosta dietro una cortina di persone che assistono immote alla scena, cerco disperatamente lo sguardo del ragazzo, maledicendo l'educazione araba che impone di non guardare negli occhi le donne, perché vedo che lui al contrario lo sfugge. Alla fine, con piantato sulla faccia uno smile a 64 denti, riesco a intercettarlo, facendogli segno di lasciar perdere le straparole della vicina, gli scorgo un lampo negli occhi e capisco che finalmente non si sente solo. Però quella insiste: "Ah, vous tuez les gens, à Toulouse (la mia città amatissima), l'affaire Merah, ils sont tous terroristes, les Arabes...". A questo punto un altro maghrebino, più anziano e con l'aria decisamente seccata, aggredisce verbalmente la donna in modo violento, dicendole di non permettersi simili discorsi, ma non basta, quella insiste. Gli altri sono paralizzati, e io mi sento - assurdamente - male per un paese che adoro. La mia Francia deve saper reagire a una situazione simile, ecchediamine. Ma non me la sento di andare a dare lezioni di tolleranza e civiltà a un paese che non è il mio. D'altra parte non posso nemmeno accettare che la cosa degeneri. E così faccio quel che sono: la straniera, e anche quel che non sono più: una bambina ingenua. Mi alzo in piedi, libro in mano, e comincio a parlare in italiano italianissimo a voce alta. La cosa gira su di me tutte le teste manco fosse caduta una folgore, anche perché qui nessuno, tranne rarissimi casi, alza la voce. E io comincio a chiedere con tono quasi infantile, cosa succede, perché litigano, come se caduta dalla luna non avessi capito un accidenti di quello che sta capitando, ma fossi molto colpita e preoccupata di quel che sento e continuo a parlare parlare parlare. Per cui mi rendo ben presto conto che sto recitando un numero davanti a un intero vagone che ormai mi guarda meglio di una primadonna (sempre desiderato fare teatro!), mentre io tento solamente di mettermi nella direzione buona per ammiccare al ragazzone che ho davanti. Se non altro ho tappato la bocca alla cacciatrice di terroristi, la quale sta cercando evidentemente di capire da dove sia piovuta quella a rubarle la scena. Il tutto si svolge mentre lo zainetto e il computer ne approfittano ovviamente per scivolarmi dalle spalle, mentre il piumone lungo fino ai piedi, familiarmente detto "L'Orso",  decide di ottenere una variazione di colore all'ultimo grido grazie al pavimento di un vagone parigino. L'unica cosa che riesco ancora a brandire solidamente è il libro - ma si sa, la classe non è acqua.
La scombinata prova di esserlo del tutto, perché è la prima che si riprende e decide anche di riprendersi la scena. Neppure lei è francese, del resto, e comincia a parlarmi in italiano. Meno male, non pensa più ai due arabi. E io insisto nel dire che non capisco, così lei, passando allo spagnolo, mi spiega che lei vuole rispetto da tutto il mondo, ma non le piacciono le "personas malas". A questo punto le lascio volentieri la parola, guardandola, sorridendole, annuendo a tutte le enormità che dice, compreso, appunto il famoso "mafia". Però ha l'avvedutezza di aggiungere "cinese, russa, italiana, polacca". Ah. La signora decisamente si beve la cronaca, peccato che la agiti e la mescoli proprio male. Nel frattempo il ragazzone mi dà una mano, si avvicina all'amico furioso e comincia a blandire anche lui. A parte lo sforzo di dover fingere di non capire due lingue che comprendo benissimo, e le smorfie di complicità che cerco di indirizzare ai miei vicini per evitare che ci facciano portare alla neuro entrambe come due piccione, vedo con sollievo che poco a poco si calma e che la mia fermata si avvicina. Ormai siamo amicone, e la srotellata spiega che lei è di Capo Verde - conosce Capo Verde? -, ah sì, un collega di mio nonno lavorava laggiù, lontano, eh!, eh sì, lontano, la mia famiglia è là, ma io lavoro qui, sa?, accanto a me un ultimo testimone della scena mi guarda con l'aria di non aver capito ancora e io riprendo a ammiccare che neanche volessi candidarmi a un gara di burlesque, le porte si aprono, e via con un sospiro di sollievo. Il signore, sceso con me, mi sibila a questo punto "Comprendo", mentre con sollievo infinito io ritrovo la mia parlata francese e gli spiego che no, non potevo lasciare che la cosa degenerasse, che dovevo fare qualcosa. Un qualcosa che è stato tutto sommato  abbastanza adrenalinico, perché quando arrivo alla seconda metropolitana e mi siedo, mi sento sfinita, ma felice, come una bambola di pezza dal grande sorriso.
Che trattare con i matti non è che sia proprio il mio mestiere, eh.


14 commenti:

  1. Ma è fantastica sta cosa!!! Mi devi ripetere la scena: giovedi santo sarò a parigi. Fai l'attrice e replicala! :D :D

    RispondiElimina
  2. Perfetto... scene di una ordinaria folle corsa in metropolitana e ho appena salvato un post (anzi due) per la prossima settimana che si svolgono in metropolitana.
    Mi sa che noi due siamo sulla stessa lunghezza d'onda e che i matti ci sono dovunque... non solo in metropolitana e non solo a Milano.
    Vorrà dire che prenderò spunto dalla tua reazione per cavarmi d'impiccio in situazioni difficili.
    Tra i matti mi maschero benissimo!!!!
    Buona giornata
    Nora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In considerazioen di questo azzeccatissimo discorso, propongo di fondare insieme l'Ordine della mazzancolla, allora ;-)!

      Elimina
    2. hahahaha ok ma non dirlo a mio marito!!!
      Nora

      Elimina
  3. I matti sono ovunque, si.
    Ma santo cielo se mi piacerebbe prendere la Metro con te :-D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cercherò di conservare l'ispirazione, allora :-)

      Elimina
  4. Ciaooooo, da quando sono qui a Milano di matti ne ho visti tanti,anche sul tram!
    eccomi come tua nuova follower,se ti va passa da me:
    criminiincucina.blogspot.it
    Chiara

    RispondiElimina
  5. Ciao, arriviamo oggi per la prima volta sul tuo Blog .. complimenti ^^ Saggia, ironica .. davvero carino !!

    Ci uniamo con piacere ai lettori, se ti va di fare altrettanto ti lasciamo il link del nostro Blog: http://duecuorieunapadella.blogspot.it/

    Bacio !!

    RispondiElimina
  6. @Chiara e 2cuori: grazie, e benvenute!

    RispondiElimina
  7. Sei stata una grande, di cuore. Cioè grande di cuore, detto di cuore.

    RispondiElimina
  8. Bisogna prendere posizione, sempre.
    E per quanto riguarda il mestiere....chi sa esattamente quale è il proprio...
    CInzia
    ps...hai ragione! I dolci col cioccolato dentro non hanno bisogno di zucchero in più, io non lo sapevo e ne sono stata stupita.
    Grazie per passare a trovarmi, anche se io giro poco..:-)
    Un saluto
    cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tu sia benedetta per la tua prima riga. Diciamo che mi fa sentire meno straniera e meno matta in questo mondo.
      Quanto al secondo mestiere, io lo saprei, credo, se solo me lo lasciassero fare! ;-)
      P.S.: infatti bisogna provare, anche se io per tradizione vengo da una famiglia poco amante dello zucchero, ma dei dolci sì. Sono convinta che molti lo mettono senza riflettere, pensando che "ci debba" andare. Altro motivo sono le dosi scervellate di lievito che danno le ricette, specie quelle made in USA. Essendo salato, bisogna poi forzare la dose di zucchero...
      Comunque, sappi che io un giorno mi sono dimenticata la farina nella Sacher. Fatta apposta per il compleanno di mio cugino, la sua torta preferita. :-( Somigliava vagamente a una frittata :-) ma era ancor più cioccolatosa e ce la siamo sbafati lo stesso...

      Elimina