Oggi

"Data">Data Rivoluzionaria

pellegrinablog,chiocciolaquindi,gmail.com

per gli scribi

Toulouse en érasmienne

giovedì 21 giugno 2012

Vive la France

Nessuno parli male della Francia, oggi. Per me, da due anni e mezzo, è stato e resta un grande paese generoso e dignitoso. Che dà dignità.

Speriamo di non doverne parlare male mai.
Una piccola cosa, ancora in fieri, ma bella. 
L'estate sia propizia.
Ah, e nemo propheta in patria. Ma per ora, sottovoce.

8 commenti:

  1. Un sorriso stampato sulla mia faccia :-)

    RispondiElimina
  2. :-)
    Se son rose, (come quelle che occhieggiano felici sotto la mia finestra nelle piogge parigine)...
    Comunque, almeno un riconoscimento c'è. :-)

    RispondiElimina
  3. Oui allors, vive la France (je l'aime aussi) ^_^

    RispondiElimina
  4. Alors quoi??? quoi que ce soit, trop vite ^_^

    bè il senso è chiaro però :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. :-) merci! et pas trop vite (come dice la canzone).

      Elimina
  5. A volte le coicidenze... se ti va dai un'occhiata al mio ultimo post ;o)

    RispondiElimina
  6. Cara Ritrovata i Francesi parlano in alessandrini, cos'altro? Anche io adoro la lingua francese e soprattutto il modo di usarla. La loro eleganza nel dirsi le cose più sanguinose non ha pari. Ma anche quella che hanno nell'argomentare.

    RispondiElimina